Borsellino, direi non a caso, parlando nell’atrio della Biblioteca Comunale di Palermo – il 25 giugno 1992, un mese dopo l’assassinio di Giovanni Falcone e qualche settimana prima di essere a sua volta ucciso – affermò: “La lotta alla mafia, il primo problema da risolvere nella nostra terra bellissima e disgraziata, non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte – proprio perché meno appesantite dai condizionamenti e dai ragionamenti utilitaristici che fanno accettare la convivenza col male – a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e, quindi, della complicità”.

alle-prese-con-i-primi-computers


VINICIO MARCHIONI: «CECHOV E IL TERREMOTO MI HANNO TRASFORMATO»

ROMA – Chissà cosa diranno quelli che quando lo incontrano per strada, a Roma, ancora lo chiamano Freddo. Dieci anni dopo la straordinaria interpretazione in Romanzo Criminale – la serie (era il 2008: Netflix un fenomeno Usa e Gomorra solo un romanzo), Vinicio Marchioni si è liberato dall’ombra – mai rinnegata – di quel personaggio […]


Raffaele Manica,Praz (e Testori)

In Praz c’è anche “il fiato del narratore imitativo che dalla pittura viene preso al laccio”, scrive Enzo Siciliano, “Penso allo Zurbaràn che è impossibile non intravedere nell’aprirsi del capitolo intitolato Il Trionfo della morte (…) Il passo (di Praz) è questo “Ampio, il viso di terracotta rovente, il naso come un corimbo di giacinto […]


Appello di Padre Zanotelli

Scusatemi se mi rivolgo a voi in questa torrida estate, ma è la crescente sofferenza dei più poveri ed emarginati che mi spinge a farlo. Per questo, come missionario e giornalista, uso la penna per far sentire il loro grido, un grido che trova sempre meno spazio nei mass-media italiani, come in quelli di tutto […]


Il fumo azzurro delle lontananze. (Enrico Testa, in Cairn, Einaudi)


Alda Merini

Quelle come me Quelle come me regalano sogni, anche a costo di rimanerne prive. Quelle come me donano l’anima, perchè un’anima da sola è come una goccia nel deserto. Quelle come me tendono la mano ed aiutano a rialzarsi, pur correndo il rischio di cadere a loro volta, Quelle come me guardano avanti, anche se […]


La preghiera necessaria (Massimo Naro)

12/06/2018 di Massimo Naro “Pro cunctis ora, sed plus pro rege labora”: questa iscrizione latina si legge sotto l’icona musiva dell’Odigitria che sovrasta il portale d’ingresso della cattedrale di Monreale. Il re normanno Guglielmo II, che nel XII secolo aveva fatto costruire quella splendida basilica affidandola alle cure dei monaci benedettini, chiedeva alla Madonna di pregare per […]