Con la grande speranza: non sono mai stato tanto attaccato alla vita”. Ho scritto (hanno scritto con l’esempio, con i gesti) “lettere piene d’amore”.

Con le parole di Ungaretti per i paesi (cuori e corpi) straziati dal terremoto

Di queste case
non è rimasto
che qualche
brandello di muro

Di tanti
che mi corrispondevano
non è rimasto
neppure tanto

Ma nel cuore
nessuna croce manca

E’ il mio cuore
il paese più straziato


“La fede non toglie il dolore ma dà un criterio nuovo per viverlo. Un criterio che nasce solo dalla certezza della Resurrezione”-


La poesia di Luisa Di Bagno per le persone dei paesi del terremoto

LUOGHI D’INFANZIA Il treno viaggia veloce come i miei pensieri… di fronte a me un intreccio di colori esili dune verdi ove vorrei correre a nudi piedi… lasciando portar via al Dio Eolo dolore, nostalgia, insite Nell’ossessiva mente, nella Visione di una vita apparsa Come mera illusione nello Sguardo di una natura che Apre gli […]


La scuola di Amatrice, un incipit di speranza


Conosciamo il dolore: così i profughi aiutano i terremotati (da Vita.it)

Li hanno accusati di vivere in albergo mentre gli italiani sfollati stavano sotto le tende. Hanno detto (e scritto) che si facevano selfie con la pala in mano per farsi pubblicità. Invece loro, i rifugiati che hanno portato soccorso nelle zone colpite dal sisma, hanno scelto di farlo per vicinanza umana. «Anche noi sappiamo cosa […]


Che scuola sarà?

Quando il Papa faceva il professore: Ho sempre creduto che l’espressione creativa sia fondamentale per fare una buona scuola. L’arte, lo sport educano. Bisogna aprirsi a nuovi orizzonti e creare nuovi modelli. Bisogna aprire l’orizzonte a una educazione che non sia soltanto concetti in testa. Ci sono tre linguaggi: Il linguaggio della testa, il linguaggio […]


«Una donna che dove guarda, vede». Pasolini e Madre Teresa

Se la sfida è tutta nello sguardo di Giuseppe Frangi 27 agosto 2010 Editoriale di “Vita” Nel gennaio 1961 Pier Paolo Pasolini e Alberto Moravia fecero un viaggio in India e ne trassero due diari che fotografano bene le differenze tra i due. Quello di Moravia si intitolava Un’idea dell’India, quello di Pasolini L’odore dell’India. […]